Sbloccare iPhone bloccato in modalità di recupero con ReiBoot

Il tuo iPhone è bloccato in modalità di recupero e non da segni di vita? Oppure hai un tasto rotto e non riesci ad entrare in modalità di recupero o DFU per eseguire alcune operazioni con iTunes? In questo articolo ti illustro un’applicazione gratuita e molto utile: ReiBoot by TenorShare, il salvavita per sbloccare un iPhone o iPad bloccato in recovery mode e che non risponde ai comandi. Vediamo come fare!

Nella vita di un iPhone vengono installate centinaia di applicazioni, immagazzinate migliaia di foto, GB di video, centinaia di contatti e ancora un’infinità di dati; ovviamente essendo un dispositivo elettronico regolato da un sistema operativo, quest’ultimo potrebbe affollarsi o andare in conflitto con l’hardware del device generando problemi piuttosto preoccupanti come il blocco dell’iPhone, surriscaldamenti o completo inutilizzo.

Uno dei problemi più gravi è quando l’iPhone non si accende che senza dubbio fa cadere l’utente in panico e preoccupazione soprattutto per la perdita dei dati contenuti in esso; ma spesso per risolvere questo problema è necessario il ripristino del device che inevitabilmente richiede l’attivazione della modalità di recupero: un’operazione che può essere semplificata maggiormente con ReiBoot!



Come attivare e disattivare la modalità di recupero su iPhone?

La procedura tradizionale che prevede la pressione dei tasti Home e di accensione potrebbe risultare difficoltosa o impossibile qualora alcuni pulsanti dell’iPhone non funzionano correttamente, quindi per mettere l’iPhone in recovery mode o DFU possiamo utilizzare l’applicazione gratuita ReiBoot sviluppata da TenorShare: molto intuitiva e semplice da utilizzare.

Basta collegare l’iPhone o iPad al computer con il cavetto USB fornito in dotazione, quindi scarica ReiBoot dal sito ufficiale ed avvia il programma; si presenterà una schermata molto simile a quella mostrata di seguito.

come sbloccare iphone in recovery mode recupero

Il software rileverà il dispositivo collegato e per uscire dalla modalità di recupero basterà fare clic sul pulsante attivo Exit Recovery Mode: iPhone sarà riavviato e dopo qualche minuto sarà nuovamente pronto per l’utilizzo. Per entrare in recovery mode, devi cliccare Enter Recovery Mode: il tutto senza speciali combinazioni di tasti da premere sul device.

 

ReiBoot: a cosa serve e quando usarlo?

Ma le potenzialità di ReiBoot non si limitano solamente a sbloccare un iPhone bloccato in recovery mode ma anche a risolvere altri problemi più comuni. Ad esempio, l’uso di questo programma può essere utile per ripristinare un iPhone bloccato con codice, sbloccare il boot loop (riavvii continui) senza perdere dati o risolvere problemi legati all’aggiornamento di iOS come surriscaldamento, crash e blocco durante l’update, iPhone bloccato con il logo Apple o di iTunes, schermo nero e diverse problematiche che rendono il dispositivo inutilizzabile. Potrà servirti anche quando iTunes non riesce a riconoscere la presenza di un dispositivo collegato in modalità di recupero, pertanto questo tool ti aiuterà a forzare il riconoscimento.

ReiBoot è un programma che ogni possessore di iPhone, iPad e iPod Touch dovrebbe avere nel proprio computer al fine di risolvere al meglio qualsiasi problematica che potrebbe sorgere da un giorno all’altro.

L’applicazione è disponibile per Windows e Mac e si può scaricare gratuitamente; il software è compatibile con tutti i dispositivi iOS e le varie versioni rilasciate ad oggi. Per il corretto funzionamento del software, i requisiti di sistema richiesto sono un computer Mac con OSX 10.7 o PC con Windows XP o versione successiva.

Condividi questa breve recensione di ReiBoot con tutti i tuoi amici che hanno un iPhone o iPad!