Tre TIM Vodafone Wind: attivare il blocco servizi a pagamento

Addebiti involontari, fatture salatissime, pagine web a pagamento e attivazione di abbonamenti da 5 euro a settimana: questo è quanto hanno segnalato migliaia di utenti Tre negli ultimi anni. Finalmente arriva una soluzione definitiva per impedire tutto ciò. In questo articolo spieghiamo come fare per disattivare definitivamente le pagine a pagamento con Tre e gli altri gestori di telefonia mobile italiani!

Se siete utenti di una SIM ricaricabile o in abbonamento con Tre (H3G) probabilmente vi sarà capitato che, durante una normale navigazione ad internet avete avuto accesso a pagina di videogiochi, film in streaming, quiz e ricette e, in maniera del tutto involontaria avete verificato l’attivazione di abbonamenti settimanali ed addebiti per aver visualizzato delle particolari pagine internet.

Alcuni utenti hanno ricevuto fatture con addebiti involontari di oltre 300 euro e molti altri sono andati sottocredito in pochissime ore.

Servizi a pagamento con Tre: come attivare il blocco?

I gestori italiani si sono finalmente avvicinati ai loro clienti e in particolare H3G / Tre ha deciso di offrire un’opzione gratuita che impedisce definitivamente l’accesso a queste pagine a pagamento.

Per richiedere il blocco ai servizi a pagamento, basterà telefonare il servizio clienti al 133 e richiedere il “barring” o “blocco” a queste pagine web. L’operazione è fattibile anche accedendo all’area utente sul sito ufficiale.

Attivare il blocco ai servizi a pagamento con TIM, Wind, Vodafone e Postemobile

Nonostante il gestore Tre è quello che fa più discutere riguardo questi addebiti involontari, l’operazione di barring di questi servizi è attivabile anche con gli altri operatori e si può fare direttamente dall’area clienti dei rispettivi siti ufficiali oppure telefonando questi numeri e richiedendo la disattivazione ad un operatore:

  • Wind – 155
  • Vodafone – 190
  • TIM – 119

Con PosteMobile si dovrà compilare questo modulo ed inviarlo tramite posta ordinaria o fax.

Condividete questo articolo su Twitter e Facebook per avvisare anche ai vostri amici di questa importante novità!